Gli opuscoli prodotti negli anni dal Gruppo Archeologico Veliterno, in occasione delle feste cittadine o a termine di uno studio specifico, vengono messi a disposizione dei lettori. Qui brevemente li riassumiamo e  mettiamo a disposizione il link per leggerli in pdf.

Opuscolo redatto in occasione della Festa delle Camelie 2018, dal titolo I fiori nell’antichità. Un percorso tra arte e botanica, la rosa, i gigli, il biancospino, il narciso, il giacinto, i giardini dipinti fino ad arrivare a Sole Luna a Velletri.

Opuscolo redatto in occasione di Calici sotto le stelle, dal titolo Orologio solare 2018. Un sunto della storia dell’antico orologio solare, ora al Museo Civico di Velletri in attesa di essere esposto, e del suo utilizzo che integra la relazione del Prof. Nicola Severino avvenuta a novembre 2015, presso il Palazzo Comunale.

Opuscolo redatto in occasione della Festa dell’Uva e dei Vini 2018, dal titolo  Il Vino dei Romani. la preparazione della bevanda aveva dei tempi e percorsi ben precisi, come lo sono oggi, si analizzano così: la vendemmia, la pigiatura, i tipi di vini, il torchio, il trasporto, il commercio ed i prezzi. Piccola parentesi anche sui legionari.

Opuscolo redatto in occasione della Festa delle Camelie 2019 dal titolo  Camelie, fiori e divinità. I fiori come simbolo di rinascita, partendo da un dipinto di N. Poussin del 1631, ripercorrendo  i principali miti trattati da Ovidio nelle Metamorfosi e qualche informazione sul loro uso in cucina e in medicina.

Opuscolo redatto in occasione delle Passeggiate Spettacolari, estate 2019, dal titolo Ad Sponsas . Opuscolo ha accompagnato la rievocazione della cerimonia che si svolgeva in epoca romana presso il Tempio di Sole Luna, dove le spose il giorno prima delle nozze, si recavano  ed offrivano alla dea tutti segni della loro infanzia.

Opuscolo redatto dai soci Giani e Bianchini come primo punto di una ricerca ancora in corso, dal titolo Anfiteatro Romano 2019. Studio sull’ipotesi di un anfiteatro, posto presso l’attuale Piazza Mazzini a Velletri, attraverso disegni e fotografie si cerca di mostrare ciò che il tempo ha cancellato. Studio sulle tecniche costruttive e sui cantieri romani, analizzando qualche elemento ancora presente in situ.